Scrivere per me è un’esigenza dell’anima, e sono sempre felice di cedere al canto della mia sirena letteraria. Lei mi sussurra all’orecchio e le mie dita ubbidiscono senza esitazione, correndo veloci sulla tastiera. Adoro raccontare le mie storie e amo sentire l’opinione dei lettori. Blogger e semplici appassionati di libri mi hanno spesso onorato dedicandomi qualche parola su Amazon o sui social. Scoprire una nuova recensione o anche un semplice commento mi regala attimi di pura gioia. Una decina d’anni fa sono stata segnalata a due concorsi letterari: premio Artenuova e premio Bompiani-scrivi.com. Inoltre ormai da tempo pubblico storie di vita vera sulla rivista “Confidenze” (Mondadori). Di recente ho iniziato a lavorare come traduttrice freelance e collaboro al momento con … Continua…

Annalucia Lomunno

Credo nel potere delle parole e nel fascino delle vere storie d’amore che raccolgo e racconto da anni, per il settimanale Confidenze. Storie con un lieto fine, storie di grandi passioni, storie che nascondono e svelano drammi, rinascite, vittorie, emozioni. Storie che mi hanno insegnato tanto, in cui ho ritrovato frammenti di viaggio, segreti inconfessabili ed esistenze normali e straordinariamente sorprendenti. Amo i profumi, la letteratura, la musica. Spezie irrinunciabili, pagine che inchiodano, spartiti che incantano, tracce. Amo le vicende coinvolgenti che si trasformano in noir e romanzi magnetici. Continua…

Se c’è una cosa che non so fare è scrivere una (auto)biografia, anche solo di poche righe. Quando leggo amo presentazioni del genere: “Nome e Cognome, è nato a Napoli nel 1954”. Voglio la storia, voglio che mi entri dentro come fosse una trasfusione di pensieri e di anima e a volte quasi un trapianto. Dell’autore voglio conoscere solo la consistenza della sua immaginazione, l’impossibilità di resistere alla scultura narrativa. Certo, se penso ai ‘grandi’ della letteratura un po’ cambio idea. Ma non del tutto. Avrei preferito non piangere per la bellezza delle poesie di Emily Dickinson e per la sua scelta di vita a tu per tu con il tutto e con la solitudine. Avrei preferito saperla felice. Quindi, per riassumere: Tiziana Pasetti, è nata a Frascati (RM) nel 1974.

Roselina Salemi

Foto di Gianmarco Chieregato

Sono una cacciatrice di storie. Ho conosciuto terroriste e madri in lutto, ho capito che cosa si può fare per amore, avidità e vendetta. Ho incrociato la cronaca nera e i misteri della mafia lavorando come corrispondente di Repubblica in Sicilia, sono stata minacciata (Eugenio Scalfari mi ha detto: «Se hai paura sono fatti tuoi») e mi sono trasferita a Milano nel 1985 su consiglio di un magistrato amico che ancora ringrazio. Ho lavorato al Corriere della Sera, ho diretto il settimanale Anna, e scrivo. A differenza dei narratori che premettono sempre «Questa storia è inventata», le mie non lo sono quasi mai. “Sulla pelle delle donne” e “Ragazzi di Palermo” (Rizzoli) sono due inchieste. Continua…

Federico Toro

Lingue straniere, teatro e scrittura. Si potrebbe riassumere così la mia vita. La voglia di viaggiare mi spinge a conoscere altre lingue e culture, ma il teatro e la scrittura mi permettono, invece, di dare sfogo alla mia creatività. Dopo la laurea in Lingue e letterature straniere conseguita nel 1994 all’Università di Salerno mi trasferisco a Roma e per molti anni mi dedico al teatro. Contemporaneamente scrivo. I miei racconti pubblicati hanno il sapore di vita quotidiana, di sentimenti e desideri ed esplorano il mondo femminile. Le protagoniste delle mie storie sono donne comuni alla disperata ricerca del vero amore. Donne che affrontano la vita senza paura, senza alcuna rete di protezione e che amano, forse, anche quando non dovrebbero. Dal 2013 collaboro alla rivista “Confidenze” (Mondadori) con storie vere e articoli di attualità. Per saperne di più: www.federicotoro.it